Consenso all'uso dei cookie

Tu sei qui

Riabilitazione logopedica

Tornare a parlare

I pazienti sottoposti a chirurgia oncologica maggiore del distretto testa-collo vanno sempre incontro a mutilazioni che possono interessare in misura variabile l’articolazione della parola. Infatti, possiamo andare da un semplice disturbo di articolazione nel caso di interventi per neoplasie della lingua, a disfonie importanti come nel caso di interventi di laringectomia parziale, ad afonie nel caso di laringectomie totali.

Nello specifico, uno degli elementi che caratterizza fortemente la laringectomia totale è che ha importantissime conseguenze sulla qualità di vita dei pazienti è la perdita della capacità fonatoria. Il paziente, al risveglio dall'intervento, è infatti totalmente afono in quanto le corde vocali rappresentano l'unica fonte fisiologica di generazione del suono. La perdita della voce si associa alla perdita di altre attività ad essa strettamente legate e che normalmente permettono di veicolare emozioni (come ridere o piangere in modo sonoro, fischiare ecc.); la voce inoltre è, per le proprietà in essa contenute, un elemento fortemente individuale e caratterizzante del singolo individuo, per questo spesso il paziente laringectomizzato riferisce di sentirsi come privato, in parte, della propria identità e personalità.

Il paziente deve quindi intraprendere adeguati, precoci e prolungati cicli di riabilitazione nella fase postoperatoria al fine di riprendere una capacità comunicativa efficace per poter quindi essere efficacemente reintegrato in un contesto sociale soddisfacente.

Normalmente i cicli di rieducazione logopedica vengono iniziati immediatamente dopo la dimissione (durante il ricovero nel caso di PTE) e proseguiti per un tempo a volte lungo (si varia dalle 15 sedute logopediche tradizionali a periodi anche di alcuni mesi) con notevoli ricadute econonomiche. Il logopedista istruisce inoltre i familiari o il care-giver sulle modalità deglutitorie e nutrizionali dei pazienti nell’immediato post-operatorio. È fondamentale la presenza dei familiari o del care-giver durante la terapia perché in questo modo il paziente può essere seguito durante i pasti ed acquisire più rapidamente le strategie proposte.

QUOTA SOCIALE anno 2020

30€

I versamenti possono essere effettuati tramite:

C/C Postale: 53097200 - Banco Posta IBAN IT60 A 07601 01600 000053097200

Banca Prossima (gruppo Banca Intesa) - IBAN IT43 I 03069 09606 100000009455

Cosa puoi fare tu

All'atto della compilazione della dichiarazione annuale IRPEF, nella sezione relativa alla destinazione del CINQUE-PER-MILLE è sufficiente apporre la propria firma sul riquadro in cui è scritto

"Sostegno al volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di promozione sociale, delle associazioni e delle fondazioni"

Inserire il codice fiscale dell' Associazione Italiana Laringectomizzati 

80129830156

L'operazione è fattibile con tutti i modelli

  • 730
  • UNICO PERSONE FISICHE
  •  CERTIFICAZIONE UNICA

Il 5 per 1000 non è alternativo all' 8 per 1000 e quindi possono essere scelti entrambi.